Coronavirus, la Regione si prepara alla seconda ondata in vista dell’autunno

0
106

Miglioramento della capacità di prelievo e di analisi dei tamponi e dei test sierologici per la popolazione, per il sistema sanitario regionale, per la rete dell’accoglienza (Rsa, centri per disabili, minori), scuola e strutture religiose. Interventi sulla gestione delle risorse umane (per i prelievi), dotazione dei dispositivi di protezione individuale e capacità di laboratorio per le analisi. Maggiore capacità di tracciare i contatti e gestire i focolai. Sono gli assi portanti, previsti dalla Regione Piemonte, per affrontare un’eventuale ripresa epidemica in autunno.

L’articolo completo su www.lastampa.it