La variante Epsilon più resistente agli anticorpi di vaccini, guariti e monoclonali per 3 mutazioni

0
32

Al momento il ceppo del coronavirus SARS-CoV-2 che preoccupa di più gli esperti è la variante Delta (ex seconda indiana B.1.617.2), divenuta dominante nel Regno Unito alla metà di maggio 2021 e proiettata verso lo stesso traguardo – entro l’estate – anche nel resto d’Europa e negli Stati Uniti. La ragione risiede nel fatto che, rispetto al lignaggio originale e alla variante Alfa (ex inglese B.1.1.7), secondo gli esperti risulta molto più trasmissibile (fino al 60 percento), potenzialmente più aggressiva e con una certa capacità elusiva nei confronti dei vaccini. Non a caso l’efficacia della singola dose contro di essa viene abbattuta attorno al 33 percento, mentre con due dosi si risulta comunque ben protetti.

L’articolo completo su scienze.fanpage.it